· 

Fiori australiani per equilibrare lo stress primaverile

Temperature sempre più miti e una natura in piena esuberanza, con germogli e gemme che stanno per sbocciare rigogliosi ovunque preannunciano la primavera in arrivo con tutta l’intensità della forza della natura.

Costringendoci a un salto climatico rapidissimo e adattamento “forzato” ai nuovi ritmi stagionali che procurano squilibri, stanchezza psicofisica e improvvisa irrequietezza spesso non bene identificata. 

Un’ottima soluzione per contrastare questi disagi è costituita da alcuni Fiori Australiani che facilitano l’adattamento del corpo e della mente.

Alcuni spunti per guardarti dentro ed individuare se ti riconosci in queste dinamiche:

-      Bottlebrush, un’essenza “adattogena” che facilita i cambiamenti fisici e psicologici;

-      Black Eyed Susan, utile per favorire il rilassamento e rallentare i ritmi frenetici in caso di iperattività, frettolosità e sovraeccitazione;

-      Crowea e Boronia, indicati per diminuire ansia e nervosismo, sciogliere tensioni e contratture muscolari, calmare la mente affollata da pensieri e preoccupazioni e favorire il sonno;

-      Bush Fuchsia, Paw Paw e Jacaranda permettono invece di ritrovare concentrazione, lucidità e armonia mentale.

-      Little Flannel Flower aiuta ad affrontare la vita quotidiana in modo più “leggero” e spensierato.

-       Macrocarpa se ci si sente particolarmente stanchi, spossati, esauriti e giù di tono. Ottima per rinvigorire e rivitalizzare l’organismo affaticato e ricaricarlo di energia.

-       Alpin Mint Bush, fiore particolarmente rigenerante quando il sovraccarico di impegni e di carichi familiari o lavorativi rischia di provocare un “crollo” generale della forza vitale.

 

-       Sundew per tutti coloro che, in questo periodo dell’anno, avvertono un eccessivo bisogno di dormire, fanno fatica a svegliarsi al mattino e durante il giorno devono combattere con momenti di torpore o sonnolenza.

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

Scrivi commento

Commenti: 0